Mappa del Danno

Mappa Del Danno

Mappa del danno. Topografia critica di Terra di Lavoro.

La mappa è soggetta ad un continuo aggiornamento. È un progetto aperto che prevede il contributo di tutti per alimentarlo, farlo crescere e anche correggerlo.

E’ possibile segnalare aggiunte, correzioni o anche proposte all’indirizzo retecalenabenicomuni@gmail.com o attraverso il form che trovate in fondo alla pagina.

Per scaricare la Mappa:

FORMATO PDF |23.2 MB| (con la possibilità di interagire tramite i livelli):  Mappa_del_danno_pdf

FORMATO JPEG: Cliccate sulla mappa in basso per visualizzarla in alta definizione.

Ecomostri e bonifiche: battaglia cruciale per le comunità campane

Costruiamo un fronte regionale contro devastazione e sacrifici, riprendiamoci tutto: territori, salute, reddito!

 L’autunno alle porte e gli ultimi colpi di coda del sistema rifiuti in Campania ci impongono alcune riflessioni che, in generale, ci premeva fare già da alcuni mesi e, seppur le vicende relative ai beni comuni, sembrano camminare velocemente sul binario della messa a profitto dei territori, si è resa necessaria una osservazione prolungata per capire cosa in realtà stesse succedendo o meglio, per avanzare alcune ipotesi, soprattutto dal punto di vista del lavoro dei movimenti e delle lotte che in Campania si danno o si sono date.

Continua a leggere

Il divenire comune della lotta No Tav

di Collettivo Uninomade

I movimenti reali apprendono in fretta, riconfigurano il proprio campo d’azione, approfondiscono e riformulano le proprie ragioni. In questa settimana per certi versi drammatica è quanto il movimento No Tav sta facendo. Queste brevi note, oltre modo schematiche e provvisorie, tracciano un processo in fieri, per nulla lineare. Che ha bisogno, soprattutto ora, della più ampia discussione e partecipazione in una partita estremamente rilevante per l’opposizione sociale in questa nuova fase.

Manifestazione Bussoleno-Susa, sabato 25. Una moltitudine si snoda lungo il percorso, valsusini torinesi e quanti venuti da più lontano frammischiati in un corpo unico: è il segno tangibile di quello che è avvenuto in questi mesi. La lotta No Tav è diventata un bene comune che stringe oramai con un legame profondo chi vive in valle, chi ci è venuto dal tre luglio in poi, chi nel paese la sente come propria perché vi vede un punto di ripartenza e una possibile prospettiva comune nel quadro di una crisi che va approfondendosi. Continua a leggere