Forconi e Forche

Ed è vero che, come ha osservato qualcuno, le rivendicazioni di questa esplosione di protesta sono tante e tali che a guardarle ti fanno venire le vertigini. E come potrebbe essere altrimenti? Come ci si aspetta che dovrebbe essere, nell’Italia di oggi e nel meridione, la piattaforma perfetta e condivisa di un sommovimento che, per essere tale, è necessariamente portatore di istanze diverse e molteplici?

 In verità molti si sono chiesti, nel passato più o meno recente, come sia stato possibile tenere in piedi la pace sociale in un paese alla deriva. Il meridione d’Italia è stato interessato da una questione sociale annosa, discussa e ridiscussa ma che, senza ombra di dubbio, resta irrisolta se non addirittura assunta a paradigma di un modello di accumulazione capitalistico in cui lo sfruttamento e l’indotta arretratezza di una parte consistente del territorio, sono presupposto e garanzia dello “sviluppo” del resto del Paese. Continua a leggere

Giggino, Nicola e noi. Considerazioni a freddo sul mancato arresto del politico casalese.


Giggino ‘a Purpetta, al secolo Luigi Cesaro, parlamentare PDL e presidente della Provincia di Napoli, esplode in un’espressione di giubilo incontrollato di fronte alla notizia: Nicola è salvo, l’amico Cosentino non finirà in carcere. La

camera, con il voto dello scorso 12 gennaio dice “No” alla richiesta d’arresto emanata della Procura di Napoli nei confronti del deputato campano Nicola Cosentino. Continua a leggere