#15m – Sciopero sociale Terra di Lavoro – Pigliammece ‘a Piazza!!!

 

sciopero socialePER LO SCIOPERO SOCIALE IN TERRA DI LAVORO, PARTIAMO DAL #15M!!

Mercoledì 15 MAGGIO – Capua
ore 17 c/o Largo G . Amico (palazzine tedesche)

Per chi raggiunge il posto in autobus, le palazzine sono di fronte alla stazione Clp di Capua, per chi raggiunge il posto in treno, arrivati a Capua, alla rotonda fuori la stazione, andare dritto, siete praticamente arrivati!

mail at: scioperosocialecaserta@inventati.org

FACCIAMO GIRARE LA VOCE, COSTRUIAMO LO SCIOPERO SOCIALE IN TERRA DI LAVORO!

DALLE 17:
– AZIONI NEL E PER IL QUARTIERE
– MUSICA, GIOCOLERIA, INIZIATIVE PER I BAMBINI DEL QUARTIERE
– MOMENTI ASSEMBLEARI E POPOLARI CON DISOCCUPATI, PRECARI E LAVORATORI DELLE ZIENDE IN CRISI
– …TANTO ALTRO ANCORA!

Quante sono le aziende in crisi o che stanno per chiudere in provincia di Caserta?

Quanti giovani, laureati e non, sono disoccupati?

Quanti si diplomeranno a luglio sapendo che a settembre non potranno iscriversi all’università e già si sentono impressa l’etichetta del “precariato di seconda generazione”?

Quanti, invece, lavorano ma non hanno uno straccio di contratto e di garanzia per il presente e per il futuro?

Quanti padri e madri di famiglia si ritrovano licenziati, o cassaintegrati, dopo anni e anni di lavoro in fabbriche, aziende, uffici (pubblici e privati), senza avere il benché minimo riconoscimento?

Consapevoli che sempre più impellente è l’esigenza di dar voce a chi la crisi la sta vivendo nella quotidianità, e la sente nella difficoltà di riempire il carrello della spesa o pagare la bolletta e l’affitto, sappiamo che è arrivato il momento di rompere le fittizie barriere sociali imposte dall’economia neoliberista, che ci spinge a credere che nel rintanarci nella nostra nicchia e nello scavalcare l’altro v’è l’unica possibilità di emergere e sopravvivere all’austerità.

Dalle ultime elezioni è stato ancora più palese che esiste uno scollamento totale tra quello che è il paese reale e la politica dei palazzi, poiché, nonostante il grande tasso di astensionismo o voto di protesta, abbiamo visto l’insediarsi di un governo delle larghe intese, dove non esiste distinzione tra destra e sinistra, PD e PDL lavorano di comune accordo, ed il presidente della Repubblica Napolitano è succeduto a sé stesso, con l’unico scopo di lasciare l’Italia terreno fertile per le politiche speculative delle banche europee e della troika.

Oggi come ieri, ripetiamo che NON CI RAPPRESENTA NESSUNO!

È necessaria una risposta collettiva e forte, ma questa deve partire da un lavoro d’inchiesta che ci dia prima la possibilità di capire quali siano le reali condizioni di Terra di Lavoro nell’attuale fase storico/sociale, per rompere l’isolamento, per creare lo SCIOPERO SOCIALE con il quale ricomporre tutti i frammenti della classe precaria e riprendersi tutto ciò che gli è stato tolto in questi anni.

Ci prendiamo un momento della nostra giornata per riflettere, per raccontare quali siano i nostri sogni ed i nostri bisogni, per patire da qui, per incontrarci materialmente e discutere, socializzare le nostre difficoltà, ampliare e rifondare processi di mutuo soccorso e sopperire al completo smantellamento dello stato sociale.

L’unica soluzione alla crisi è l’autorganizzazione!

Annunci